Ricerca

TECNATON E LA RICERCA IN MATERIA DI NEURO-APPRENDIMENTO. (Come incrementare apprendimento, motivazione e ricaduta didattica attraverso le neuroscienze).
All’inizio degli anni 80 sono state elaborate le prime pubblicazioni che propongono l’integrazione tra le conoscenze scientifiche e i percorsi formativi.
Sempre all’inizio degli anni 80 Howard Gardner pubblica la sua teoria delle intelligenze multiple.
Il termine “brain-based education” nasce proprio in questo periodo.
Partendo da questi presupposti, progressivamente,  studiosi di neuroscienze, alcuni cognitivisti e degli insegnanti, hanno riconosciuto che esiste un luogo comune dove risulta possibile collegare neuroscienze ed attività formative.
In relazione a queste considerazioni TECNATON, che opera attraverso attività formative sia convenzionali che innovative, intende sviluppare la propria  ricerca operativa nel settore neuro-formativo.
Gli obiettivi della ricerca includono anche le attività rivolte a capire le modalità di apprendimento di cui il genere umano avrà bisogno nel corso  dei prossimi decenni.
Verranno quindi approfondite le logiche dell’imparare ad apprendere, dell’insegnare per apprendere e dell’insegnare al cervello come apprendere sviluppandone il potenziale.
Tutto ciò prevede l’implementazione di un’attività scientifica di ricerca che verrà testata in particolare attraverso l’analisi delle attività formative che includono, in particolare, un elevato livello motivazionale.
Inoltre, per ogni corso erogato, l’attenzione resa attiva da parte del discente, lo sviluppo delle tracce memoriali, le emozioni che si generano durante l’apprendimento e la motivazione alla formazione, verranno sottoposte ad analisi al fine di individuare il neuro-apprendimento più appropriato.